I trend del retail che devi conoscere

Scritto da Andrea Bonetti
il 09/05/2022

Fai il test digitale e ottieni il report con le aree di intervento

Non è un caso che il trend retail, cioè osservare quale siano i prodotti trend nel web, è diventata una vera e propria strategia di marketing, indispensabile per anticipare la concorrenza e riuscire a soddisfare le esigenze della clientela. Non tutti hanno le competenze e i mezzi per comprendere nel dettaglio quali siano i trend retail migliori, diventa essenziale pianificare un business plan che comprenda anche questo aspetto, ma come?

1. L’evoluzione dei trend retail

Il cambiamento della vendita al dettaglio è stato notevole negli ultimi anni, l’avanzamento tecnologico ha permesso a venditori e clientela di approcciarsi a questo settore con strumenti completamente nuovi, in primis internet.

Se negli anni scorsi la vendita web subiva ancora l’incidenza della diffidenza, attualmente gli utenti hanno compreso i benefici che si possono ricavare da un acquisto online.

Anche i rivenditori hanno ormai iniziato dei business plan che vertono verso la conquista del consumatore online, condizione che necessita di una strategia di web marketing efficace e puntuale. Tale processo evolutivo trova la sua massima espressione nell’analisi oggettiva dei trend retail, cioè di quelle tendenze nel settore del dettaglio verso cui gli utenti veicolano i loro acquisti.

Conoscere l’andamento dei trend può fare la differenza tra un’azienda che ha già disponibile il prodotto, o il servizio desiderato dal cliente, e un’azienda ancora legata a quelle vecchie.

2. Trend retail: i vantaggi nel conoscerne l’andamento

Affinché gli imprenditori possano comprendere nel migliore dei modi le potenzialità nel conoscere i trend retail, è opportuno analizzare i benefici che se ne possono ricavare.

2.1. Fidelizzazione

Conoscendo i trend retail è possibile fidelizzare la nuova clientela. Giovani e meno giovani sono presenti sul web, condizione che li spinge a ricercare sempre piattaforme di vendita originali per soddisfare le proprie esigenze. In questo contesto, l’eCommerce può catturare l’attenzione di nuovi consumatori, i quali saranno portati a restare sulla piattaforma ritenendola aggiornata e al passo con i tempi.

2.2. Vendita mirata

Identificando il trend retail del momento è possibile vendere un servizio oppure un prodotto in modo mirato. Riuscire a gestire una vendita ben definita consente di ridurre al minimo gli sforzi e l’organizzazione.

2.3. Soddisfazione del consumatore

Non vi è alcun dubbio sul fatto che il consumatore sia particolarmente soddisfatto degli eCommerce capaci di assecondare i trend retail. Spesso si sottovaluta l’incidenza mediatica che un prodotto innovativo può avere, caratteristica che influenza non solo l’opinione dell’utenza, ma che consente di migliorare anche la Brand Reputation.

2.4. Strategia di marketing mirata

Tanto quanto la vendita mirata è possibile pianificare una strategia di marketing che verta principalmente a soddisfare la richiesta di quel periodo storico. I trend cambiano velocemente ed è indispensabile pianificare più scenari possibili per adattarsi al mercato.

2.5. Proiezione futura

La comparsa della pandemia da Sars Covid-19 ha reso particolarmente evidente quanto sia importante essere al passo coi tempi, condizione chiara nell’impennata di vendite delle mascherine. Riuscire a comprendere quali siano i trend retail è indispensabile per proiettarsi al futuro e allestire un magazzino che possa accontentare le richieste dei clienti.

La gestione di tale proiezione garantisce non solo una maggiore vendita dei prodotti, ma anche un risparmio economico non indifferente per l’acquisto della merce.

2.6. Business plan efficiente

Ulteriore vantaggio da non trascurare è la possibilità di creare un business plan efficiente. Sebbene ogni azienda pianifichi un piano societario annuale, alcune sessioni specifiche potrebbero subire dei cambiamenti radicali. Realizzare un business plan eccellente garantisce una migliore gestione anche dei trend retail imprevisti.

2.7. Costo gestione

Uno dei motivi che spinge sempre più privati e aziende nel conoscere preventivamente i trend è da ricercare nel costo della gestione della merce e dei fornitori. Anticipando le mosse del mercato, quando ancora la domanda non ha raggiunto l’apice, può fare la differenza per acquistare i prodotti a un costo ridotto.

2.8. Ottimizzazione del magazzino

Costi che si legano perfettamente anche a una migliore gestione del magazzino. Non tutte le aziende hanno magazzini di dimensioni rilevanti, riuscire ad anticipare i trend retail permette di svuotare o modificare le aree per lo stoccaggio, in modo che siano funzionali al periodo di vendita in arrivo.

3. Trend retail: come conoscere l’andamento

I benefici nel conoscere i trend retail sono evidenti, ma non è sicuramente semplice prevedere quelli che saranno le tendenze nell’ambito della vendita al dettaglio. Si possono delineare due soluzioni differenti, con gradi di efficacia leggermente diversi: analisi software e servizi specializzati.

3.1. Software

L’implementazione di software, o strumenti dedicati, capaci di analizzare sia quantitativamente che qualitativamente le esigenze dei consumatori, garantisce una buona conoscenza delle proiezioni future dei trend retail.

I programmi immagazzinano le informazioni più utili, principalmente legate ai comportamenti e alle interazioni della clientela sulla piattaforma web, e ne monitora il comportamento al fine di prevederne l’andamento nel tempo.

Tale processo di analisi è una buona soluzione, ma non è applicabile alle aziende che non hanno competenze specifiche nel valutare le informazioni nel modo corretto.

3.2. Aziende specializzate

Soluzione alternativa, sicuramente più efficace, è quella di affidarsi a un servizio di terze parti, che attraverso un team di esperti sappia analizzare i dati archiviati e il comportamento degli utenti. Tantissime aziende affidano gli aspetti di trend retail analysis a servizi dedicati, veicolando le loro risorse verso i consigli oggettivi di chi conosce il mercato e soprattutto ha le competenze per analizzare i dati raccolti.

4. I trend più significativi

Verificate le potenzialità di una strategia di marketing basata sul trend retail è interessante esaminare quelli che sono le tendenze su cui lavorare per migliorare la produttività.

Non tutte le aziende hanno esigenze identiche, per questo motivo è opportuno valutare la strategia migliore in base al pubblico di riferimento e agli obiettivi prefissati. Si possono però identificare dei macro-processi in alcuni trend significativi, vediamo quali.

4.1. Implementazione esperienze offline e online

L’abitudine dei consumatori ad acquistare sul web e non più nei negozi fisici, ha indotto i venditori a implementare un’esperienza del consumatore completamente diversa.

La capacità di catturare l’attenzione del cliente attraverso lo schermo non è assolutamente banale, soprattutto se si dispone di una piattaforma ricca di sezioni con cui interagire.

Questa tendenza verso una vendita sempre più digitalizzata pone i venditori nella condizione di pianificare un nuovo modo di comunicare. Infatti, non vi è solo l’esigenza di gestire la vendita offline, ma anche quella online, quest’ultima però non deve svincolarsi troppo dalla politica del marchio di riferimento.

Affinché si possano ottenere dei risultati per garantire un’esperienza del consumatore ottimale, diventa indispensabile pianificare un approccio omnichannel o multichannel, con cui esaminare e veicolare i trend in modo efficace e in continuo aggiornamento.

Spesso ci si focalizza su una sola piattaforma, dimenticando quanto sia importante che il cliente possa comunicare su più mezzi digitali o fisici.

4.2. Pianificazione Shopping Experience

Un altro trend a cui fare riferimento per ottenere risultati è la personalizzazione dell’esperienza di acquisto. Negli ultimi anni, soprattutto le piattaforme più innovative, consentono un’ottima personalizzazione dei servizi e dei prodotti venduti, in modo da attrarre la clientela.

La personalizzazione non è data solo dalle funzioni di modifica dei servizi o delle grafiche, ma si estende anche alle abitudini e alle esigenze che i consumatori hanno nel momento in cui sono sull’eCommerce.

Per esempio, una delle strategie di personalizzazione più utilizzate risiede nella pubblicazione di prodotti in determinati periodi dell’anno, come gli alberi nel periodo natalizio, oppure le uova di Pasqua nel periodo pasquale.

Ma se tali elementi possono sembrare banali, ci si può spingere anche verso una personalizzazione dedicata, con una strategia di e-mail marketing nei giorni di compleanno o di feste specifiche.

Come è facile dedurre, una pianificazione di questa tipologia necessita di informazioni ben precise dell’utente, condizione che si lega all’utilizzo di un software dedicato o di un servizio che possa garantire informazioni precise sulle interazioni dell’utente.

4.3. Customer journey

Altro trend da tenere in considerazione è il modo di relazionarsi del consumatore al proprio brand. Comprendere quali siano le opinioni dell’utenza, verso il proprio marchio e i prodotti commercializzati, può fare la differenza per fidelizzare e migliorare la consumer experience.

Tra i metodi più utilizzati per ottenere tali informazioni figura il touchpoint, funzione che permette di identificare le interazioni sulla piattaforma del consumatore. Ogni utente compie diverse azioni prima di terminare l’acquisto, condizione che permette di capire quali siano le aree più utilizzate e quali meno all’interno del sito web.

Grazie alle nuove tecnologie è possibile monitorare tale comportamento e migliorare il proprio negozio online, eliminando le criticità e valorizzando le aree più remunerative. Per prevedere tali trend è indispensabile munirsi di software dedicati oppure di servizi volti a identificare i comportamenti degli acquirenti.

5. Conclusioni

In un periodo storico in continua evoluzione è indispensabile pianificare un business plan di qualità, conoscere i nuovi trend del retail potrebbe essere importante se hai un’azienda che opera in questo settore.

Grazie all’aiuto dei nostri Chief Digital Officer potrai avere una mappatura del processo precisa, con la quale capire i trend del retail. Compila il nostro test digitale

Desideri saperne di più? Mettiti in contatto con noi.

A presto!

Candidati per diventare un digital manager Maia

A che livello digitale è la tua impresa?

Scoprilo partendo da qui